K K K S TA

Giovedì sera al Mahane Yehuda

Vibrante mercato mediorientale di giorno, di notte si trasforma nel centro della festa, il mercato di Machane Yehuda (lo Shuk) è diventato uno delle mete più visitate in città.

Attrae folle di persone, del posto e stranieri, durante il giorno per assaggiare l’autentica atmosfera del mercato e per fare la spesa, ma quando le botteghe chiudono, i festaioli, sia del posto che stranieri, scendono al mercato per una bevuta ed quattro salti tra bar, ristoranti ed i vicoletti.

Lo Shuk non ha veramente un giorno di chiusura durante la settimana, ma se si vuole la notte giusta per uscire e divertirsi, quella è il giovedì sera. Per chi abita in città, il giovedì è l’unica vera serata in cui si possa uscire senza preoccuparsi di doversi svegliare il giorno dopo: si può notare da come bar e ristoranti stiano aperti fino a tardi, con musica e persone che riempiono le sale ed i molti eventi speciali che si susseguono durante la serata.

Io ed il mio ragazzo arrivammo una sera alle 19:20: il mercato era ancora aperto ed erano in molti i clienti dell’ultimo minuto a cercare le migliori offerte per la spesa.

Comunque, appena i banchi chiusero i clienti se ne andarono in fretta per lasciare spazio ai giovani in festa.

Sembra ieri quando il Shuk era solo il mercato dove fare la spesa e magari fermarsi a mangiare qualcosina insieme alla classe operaia, sulla via di casa. Nei passati 5 anni però il numero di locali e ristoranti ha inesorabilmente sorpassato il punto in cui puoi stare al passo tra i nuovi locali che spuntano ogni giorno ed i piccoli angoli nascosti che solo quelli del posto conoscono.

“Quando vedi con I tuoi occhi la movida del giovedì sera allo shuk è davvero difficile pensare che solo fino a pochi anni fa, dopo l’orario di chiusura, non potevi trovare anima viva – dice Joel Haber, guida turistica – Ma la verità è che questo è solo il logico passo avanti per la zona Machane Yehuda e il suo continuo sviluppo storico, oltre a essere il più vivace contributo alla vita notturna della città. Lo shuk è sempre stato il crocevia dove si incontrano tutti i gerosolimitani: giovani e meno giovani, religiosi e laici, ora possono sedersi fianco a fianco e bere insieme assaggiando la speciale atmosfera che si respira solo qui.”

Ecco alcuni tra i locali che promettono un appuntamento fisso di divertimento e buon passatempo.

CIBO, VINO E MUSICA

CASINO DE PARIS

Casino de Paris Shuk

Photo: Barry Kaplan

Nascosto nelle profondità del shuk georgiano la parte coperta e quella scoperta del mercato Casino de Paris ha una storia piuttosto colorata. L’edificio dove si trova il bar è stato un tempo un casinò, poi un hotel, un club per gli ufficiali inglesi ed un bordello, ora è punto nevralgico della movida dello shuk. Chi frequenta questo bar è prevalentemente non più un ragazzino, professionisti tra i 30 ed i 40 anni, ma il giovedì sera ritrova una carica giovanile, rimanendo aperto fino alle 2-3 del mattino e servendo cocktail della casa ispirati al luogo, fiumi di birra, alcuni vini decenti e un menù eclettico ispirato ai cibi e alla cultura del mercato.

Cinco De Mayo

Cinco de Mayo Shuk

Photo: Barry Kaplan

Se stai cercando la giusta atmosfera per cominciare la festa, Cinco del Mayo non è male per cominciare. Il bar ospita spesso DJ che suonano vari tipi di musica, potrai trovare diversi tipi di persone che bevono, mangiano e spesso anche ballano fino alle 2 circa del giovedì notte. In realtà i camerieri cominciano a togliere i tavolini verso le 10 di sera, ma non ti preoccupare, fai come gli altri: prendi da bere all’interno e goditi la serata chiacchierando in strada.

A parte il nome, il Cinco de Mayo, non ha niente a che fare con la data storica messicana. Il gruppo di amici che hanno aperto il locale hanno scelto questo nome dalla comune dove vivevano vicino a Gerusalemme, dove era uso che nessuno lavorasse il 5 maggio.

Shuka Bar

Anche se la posizione lontana alla strada principale e la relativa grandezza del locale, Shuka Bar su Egoz street è uno dei locali più popolari dello shuk. È un posto senza pretese, che serve solo birra israeliana, alcuni liquori e snacks, ma il giovedì sera si riempie di festaioli col bicchiere in mano che si preparano a una grande festa.

Que Pasa

Nel frattempo nella porta accanto, il Que Pasa è il risultato degli sforzi del padrone Yaniv Kovenshtein per ricreare il tipico locale spagnolo di tapas che tanto ha amato in Spagna.

Il socio e chef Avi Betito Golansky porta la sua visione della vita con un menù pieno di piatti di tapas, di pesce e formaggi, come la Bruschetta Cuca (sardine, olive, peperoncino su un delizioso pane croccante) e Porcini Bruschetta (porcini saltati in burro e aglio, olio di mandorla e prezzemolo), carciofi al tartufo, sardine stufate con formaggio Saint Moor e fritto con burro e salvia su una cima di una insalata di pomodori, anelli di triglie fritte con peperoni arrostiti e tanto altro ancora. Se hai molta fame, ci sono anche porzioni più grandi, come gli gnocchi, con filetto di branzino o triglia.

Il motto del bar è “una birra dopo il lavoro risolve qualsiasi problema”, è questo un locale dove andare il giovedì sera, serata in cui viene suonata musica dal vivo da musicisti locali.

Shem Tov

Shem Tov si trova su Eshkol street, subito fuori dal mercato aperto, questo locale cattura le vibrazioni dello shuk con un ricco menu mediorientale, una gran varietà di birre israeliane, vini e liquori, musica da tutto il mondo, mantenendo i livelli di festa alti fino alle 2-3 di notte.

È anche il luogo giusto per bersi un bicchiere di sahleb freddo, bevanda che viene di solito servita calda, fatta  la farina di tuberi di orchidee di terra con acqua di rose, il latte e la cannella, davvero una delizia!

mangiare di notte

Se hai passato la serata a bere, probabilmente avrai voglia di sgranocchiare qualcosa verso mezzanotte. Sei davvero fortunato, perché questo è il posto giusto per trovare quello che può soddisfare la tua voglia di un ”nonsoché”.

Soramelo

Soramelo

Soramelo
Photo: Barry Kaplan

Se tutti questi bicchieri ti hanno messo voglia di dolce, allora non puoi non andare da Soramelo, su Agrippas, all’entrata del mercato coperto, per uno o più waffles in stile shuk

Il suo nome viene dalla leggenda del quartiere, noto per avere una storia su tutto, Soramelo ha certamente prodotto una gran quantità di storie su se stesso.

Soramelo è sempre pieno di persone che si fermano per una birretta, o un caffè e qualcosa di dolce, ma è nelle ore notturne del giovedì che si riempie dei festaioli che hanno bisogno di una pausa tra i tanti bicchieri. Se sei uno di loro, hai fino alle 3 del mattino per prendere una cialda calda per assorbire birre e arak. Prova quella con cioccolata e tehina, non rimarrai deluso!

Michi’s

Michis

Michi’s
Photo: Barry Kaplan

Michi’s è un semplice ma delizioso concetto fatto apposta per gli affamati della notte: hamburgers di alto livello, panini con carne ad un prezzo schioccantemente basso. Puoi mangiarti un hamburger da 100 grammi su pane fresco con qualche deliziosa salsa a soli 17 nis. Se sei davvero affamato puoi prendere piatti più grandi di carne, roast beef e panini con pollo e molto altro ancora. Michi’s è aperto fino a mezzanotte.

MEORAV YERUSHALMI

Questo è il posto migliore per mangiare il famoso Mix grigliato di Gerusalemme, fatto con vari tipi di carne e interiora stufati, serviti con pane pita e insalata fresca. Oltre alla ricetta originale, servono anche grigliate di pesce. Le porzioni sono molto grandi, fatte per chi ha appetito da gigante. Cerca di arrivare prima di mezzanotte!

PASTA BASTA

Diventato un punto centrale e popolare dello shuk Pasta Basta è il posto dove potrai trovare pasta fresca fatta a mano. L’unica cosa che devi fare è scegliere un tipo di pasta, un tipo di sugo e poi trovarti un posto per sederti. Dopo alcuni minuti avrai il tuo piatto. Il costo varia a seconda del sugo, tra i 19 e i 26 nis. Gnocchi, ravioli e ingredienti in più sono extra.

Pasta Basta è aperto fino a mezzanotte, e non rimanerci male se vedi la fila che aspetta fuori dalla porta.

mappami!

Non è sempre facile ritrovarsi tra le numerose viuzze del Mahane Yehuda, ma ci siamo presi la libertà di disegnare la mappa del mercato! I nostri posti preferiti sono segnati in verde e hanno una stellina sulla mappa, ma avrai anche tu sicuramente molti posti da scoprire, quelli che più ti piacciono.

Clicca sull’immagine per ingrandirla!

Graphic: Courtesy of Joel Haber

Graphic: Courtesy of Joel Haber

____________________________________________________________________________________________________________________________________________________

sull’autrice

Sybil Kaplan è corrispondente estera, giornalista, food writer, recensore di libri e coautrice di libri di cucina. Arriva da Overland Park, Kansas. è la guida del tour settimanale “ Passeggiata al Machane Yehuda” in inglese. Suo marito, Barry, è il suo fotografo. Puoi contattarla via email syb1023@aol.com.

ringraziamento speciale

Joel Haber è una guida tesserata, amante del buon cibo e buon alcool, esperto di Gerusalemme.

Il suo tour culinario del Machane Yehuda è diventato uno dei più famosi tra i tour della zona, la sua mappa aggiornata dello shuk con negozi, ristoranti e bar è diventata piuttosto virale l’anno scorso, riconosciuta come la prima del suo genere. È possibile trovarlo nella sua “seconda casa” al Mahane Yehuda, al www.fjisrael.com.

Spencer Ho contributed to this article.