K K K S TA

Ein Karem

Una visita a Gerusalemme si conclude di solito con un’escursione ad Ein Karem (si pronuncia anche Ein Kerem). Ogni anno milioni di persone arrivano in questo tranquillo e pittoresco villaggio a sud-ovest di Gerusalemme. Le ragioni per venire qui? I giardini di cui Ein Karem è ricca, l’importanza di questo luogo per la storia delle Religioni, i quartieri esclusivi, la musica e l’arte, i ristoranti e i bar alla moda. Ein Karem è la vostra destinazione se cercate qualcosa di diverso a Gerusalemme.

A soli venti minuti di macchina dal centro, Ein Karem è l’opposto degli affollati e rumorosi quartieri commerciali e destinazioni del turismo di massa . Appena arrivati, sentirete quanto sia speciale questo luogo e, dopo essere stati accolti dalla rigogliosa vegetazione e dai colori vivaci dei fiori, vi sarà evidente l’origine del nome di questo luogo – Ein Karem vuol dire infatti la sorgente del vigneto. (un suggerimento: nel periodo di Gennaio/Febbraio, la fioritura dei mandorli è da non perdere, ma in tutti i mesi dell’anno la vegetazione promette qualcosa di spettacolare)

Potete dedicare ad Ein Karem una mezza giornata o un’intero weekend o anche farne la base per tutto il vostro soggiorno a Gerusalemme. In ogni caso, Ein Karem è un piccolo centro che offre tante cose da fare, senza dimenticare il fatto che siete sulle colline di Gerusalemme.

Ein Karem nella Bibbia.

Ein Karem ha sia una storia Ebraica che una storia Cristiana. Già nei libri dei profeti Geremia e Nehemia troviamo la località di “Beit-HaKerem”: a quei tempi la zona era sotto la giurisdizione della tribù di Giuda.

Per i cristiani Ein Karem è meglio nota come il luogo di nascita di Giovanni Battista ed è per questo che i pellegrini ne fanno una delle loro principali destinazioni. Il villaggio ha cinque chiese e un paio di monasteri: la Chiesa di San Giovanni Battista (da non essere confusa con la chiesa nella Città Vecchia dallo stesso nome), la Chiesa della Visitazione, la Congrégation de Notre-Dame de Sion, il convento Greco-Ortodosso di San Giovanni ed il monastero Russo-Ortodosso Al Moskovia (originariamente chiamato il monastero Gorny). Un altro luogo di pellegrinaggio è la Fontana della Vergine, dove, secondo la tradizione, Maria, miracolosamente incinta di Gesù, sedette per dissetarsi con l’acqua della sorgente, insieme alla cugina Elisabetta, anche lei miracolosamente incinta di Giovanni.

Cosa Vedere ad Ein Karem

La musica e le gallerie d’arte di Ein Karem sono tra le sue attrazioni principali. Se v’interessa la musica, date un’occhiata all’Eden-Tamir Music Center dove si organizzano concerti di musica da camera, recital di pianoforte ed altro ancora. Se è l’arte ad appassionarvi, fatevi un giro a piedi e visitate le gallerie d’arte aperte dai molti artisti che, ispirati dal luogo, hanno fatto di Ein Karem la loro casa. Le gallerie sono generalmente aperte anche di Shabbat (Sabato).

A proposito di arte, la sinagoga del rinomato ospedale Hadassah, a poca distanza da Ein Kerem,  è decorata con le celebri Vetrate di Chagall. Controllate gli orari e fate un salto per vedere queste dodici meraviglie in vetro colorato, ognuna raffigurante una tribù d’Israele. E già che ci siete, approfittatene per visitare le aree dell’ospedale, recentemente rinnovate, e per saperne di più dei traguardi scientifici raggiunti dai medici e ricercatori dell’Hadassa.

Ristoranti ad Ein Karem

Ein Karem è uno dei quartieri di Gerusalemme che può vantare alcuni tra i migliori ristoranti della città. Di seguito elenchiamo i nostri favoriti. Su due vie in particolare, Ein Karem Street e Maayan Street, si affacciano numerosi locali. (Da notare che solo alcuni ristoranti a Ein Karem sono kasher)

Su Ein Karem Street potrete trovare la cucina italiana di Karma, la carne di alta qualità di Charlotte (kasher) e le squisite portate a base di formaggi e latticini dell’Inbal, anch’esso kasher.

Su Maayan Street, invece, ci sono i bistrò Brasserie e Milah,  la cucina marocchina e francese di Esti & Perla e quella italiana del Pundak Ein Karem.

Oltre ai ristoranti menzionati, ad Ein Karem vi sono diversi pub e bar che rimangono aperti fino a notte fonda.

Pernottare ad Ein Karem

Se volete fermarvi per una notte, un weekend o anche di più, Ein Karem è ideale per chi desidera pernottare fuori dal centro di Gerusalemme; l’Alegra Hotel per esempio, è un hotel boutique a 5 stelle con una storia affascinante mentre il Notre Dame de Sion Guesthouse è noto per la sua atmosfera rilassata e le camere semplici. Se siete alla ricerca di qualcosa di più particolare, potete provare uno dei tanti Bed&Breakfast della zona. I prezzi degli alloggi ad Ein Kerem sono medio-alti.

Come arrivare ad Ein Karem

L’autobus numero 28/28A della Egged arriva direttamente ad Ein Karem ma non passa per il Centro. Per prendere il 28/28A vi conviene scendere alla stazione Yafe Nof del tram. Prendere un taxi da/per Ein Karem non è un problema, e se arrivate in auto, ricordatevi che il parcheggio in strada è gratuito.

Nel complesso, Ein Karem è senz’altro una destinazione da includere nella vostra visita a Gerusalemme.