K K 1 K S TA

Yad Vashem-il Memoriale dell’Olocausto

  • +972-(0)72-3281988
  • Har Hazikaron, Gerusalemme
  • Museo della storia dell’Olocausto (Foto per gentile concessione di Yad Vashem).
  • Campus Yad Vashem (Foto per gentile concessione di Yad Vashem).
  • Museo d’arte dell’Olocausto (Foto per gentile concessione di Yad Vashem).
  • Campus Yad Vashem (Foto: Noam Chen, per gentile concessione di Yad Vashem).
  • Museo della storia dell’Olocausto (Foto per gentile concessione di Yad Vashem).
  • Campus Yad Vashem (Foto per gentile concessione di Yad Vashem).
  • La mostra "Flashes of Memory", padiglione espositivo (Foto per gentile concessione di Yad Vashem).
  • La Hall of Names, Noam Chen (per gentile concessione di Yad Vashem)
  • Campus Yad Vashem (Foto per gentile concessione di Yad Vashem).
  • Museo della storia dell’Olocausto (Foto per gentile concessione di Yad Vashem).
  • Museo d’arte dell’Olocausto (Foto per gentile concessione di Yad Vashem).
  • Campus Yad Vashem (Foto per gentile concessione di Yad Vashem).
  • Museo della storia dell’Olocausto (Foto per gentile concessione di Yad Vashem).
  • Museo della storia dell’Olocausto (Foto per gentile concessione di Yad Vashem).
  • Campus Yad Vashem, Noam Chen (Foto per gentile concessione di Yad Vashem).

Tour di Gruppo

Altre Informazioni

Parcheggio

TripAdvisor ReviewsBasato su 8640 recensioni dei viaggitori
La stella spezzata
Valutazione di TripAdvisorRivisto il April 3, 2020

E' proprio questa la struttura e l'organizzazione di questo Museo-Memoriale: una stella di David dimezzata che vuol ricordare al momento il dimezzamento della popolazione ebraica durante la Shoah. E qui si ferma il viaggio, si interrompe la vacanza ed il divertimento e si prova a cercare di capire, ma non si può capire,...

altro

E' proprio questa la struttura e l'organizzazione di questo Museo-Memoriale: una stella di David dimezzata che vuol ricordare al momento il dimezzamento della popolazione ebraica durante la Shoah. E qui si ferma il viaggio, si interrompe la vacanza ed il divertimento e si prova a cercare di capire, ma non si può capire, il perchè di tanto odio, il perchè di tanto dolore. Il Memoriale ti trascina quasi con delicatezza in un inferno terreno, dove le immagini, i modellini, i monumenti, le ricostruzioni, ti scavano dentro, fino all'anima. Il memoriale dei bambini con quelle luci..... genera solo lacrime. La sala dei Nomi all'interno del museo, annichilisce. Tutto intorno uno spazio di ampio respiro, alberato, con magnifiche viste su Gerusalemme. Ma camminarci attraverso non dona pace ma fa riflettere. Non mancate assolutamente la visita di questo "Sacrario": anche se molti di noi non erano ancora nati, devono omaggiare con una visita questo posto della memoria. Affinchè non accada mai più.

Mostra meno
PER NON DIMENTICARE
Valutazione di TripAdvisorRivisto il March 1, 2020

Tappa obbligatoria per rendersi conto della crudeltà umana. Molto suggestiva l' architettura. Il giardino dei GIUSTI ci dimostra che non tutti gli uomini sono uguali.

Un brivido ci scuote, veramente straziante. Non ci sono altre parole da aggiungere.
Valutazione di TripAdvisorRivisto il February 10, 2020

Dopo l’abbuffata di spiritualismo e luoghi Sacri di ieri, oggi ci dedicheremo alla Storia dedicando l’intera giornata qua a Gerusalemme alla visita della ci ttà moderna e di alcuni luoghi simbolo dell’ebraismo. Il Museo è collocato s ulle pendici del monte HarHaZikaron (il Monte del Ricordo), inserito in una zona boscosa alla periferia ovest...

altro

Dopo l’abbuffata di spiritualismo e luoghi Sacri di ieri, oggi ci dedicheremo alla Storia dedicando l’intera giornata qua a Gerusalemme alla visita della ci ttà moderna e di alcuni luoghi simbolo dell’ebraismo. Il Museo è collocato s ulle pendici del monte HarHaZikaron (il Monte del Ricordo), inserito in una zona boscosa alla periferia ovest della città: ve lo anticipo, bruciandomi l’aspettativa, “Sarà una esperienza molto commovente e toccante!”. I gruppi pullulano e ci sono passaggi obbligati stretti, veramente troppo affollati. Prima di entrare nel museo, attraversiamo il “Viale dei Giusti” dove sono stati piantati oltre 2.000 alberi in onore dei non Ebrei che misero a repentaglio la propria vita per salvare gli Ebrei dai Nazisti, tra loro spiccano i coniugi Schindler, situati fra i primi alberi che incontriamo. Al suo interno, sin dalla prima sala, vengono ben documentati in ordine cronologico gli eventi storici che ebbero origine dal momento in cui i Nazisti presero il potere, testimoniando la “caccia” agli ebrei, il loro allontanamento dai ghetti, la drammatica “Notte dei Cristalli”, fino alla “Soluzione finale” ed al “Genocidio di Massa”. Il museo include fotografie, film, documenti, lettere, lavori artistici ed articoli personali trovati nei campi e nei ghetti ed anche frammenti ed estratti dei diari dei bambini. I manifesti, le foto, i filmati sono in formato “Poster”. Uniti mano nella mano, ci immergiamo con accaloramento nella storia e nella conseguente tragedia!

Mostra meno

Contatto Yad Vashem-il Memoriale dell’Olocausto